Free Saibaba Now

Italy for Saibaba – call solidarity

A tutte le forze antimperialiste
Alle organizzazioni contro la repressione e di solidarietà con i prigionieri politici
Ai docenti, intellettuali, studenti democratici
Protestiamo contro la condanna all’ergastolo del Prof. GN Saibaba e 5 suoi compagni!
Fermiamo il soffocamento del dissenso con leggi liberticide e processi farsa!
Libertà per tutti i prigionieri politici in India!
Dopo quasi quattro anni, il 7 marzo 2017, la persecuzione contro il Professor G N Saibaba della Delhi University si è conclusa con la condanna all’ergastolo sua e di altri 5 imputati.
Nel 2013 la polizia del Maharashtra perquisì illegalmente per due volte l’abitazione del dottor Saibaba con la falsa motivazione di “ricettazione di oggetti rubati”, sequestrò supporti informatici senza registrarli e sigillarli come impone la procedura legale.
Nell’aprile 2014 lo stesso professore, disabile al 90% e costretto su sedia a rotelle, fu sequestrato e incarcerato, accusato secondo la legge di “prevenzione delle attività illegali” (UAPA) insieme ad altri 5, il giornalista e attivista Prashant Rahi, lo studente Hem Mishra e gli adivasi Pandu Narote, Mahesh Tirki e Vijay Tirki.
Per due anni è stato detenuto in attesa di giudizio nella prigione centrale di Nagpur, dove gli sono sono state sistematicamente negate le più elementari strutture necessarie a una persona nelle sue condizioni, le terapie e l’assistenza medica necessaria, causando un drammatico peggioramento della sua salute, come riconosciuto dalla la Corte Suprema indiana che nell’aprile 2016 gli ha concesso la libertà su cauzione.

Da allora fino alla vigilia della sentenza Saibaba è stato è stato prima ricoverato in terapia intensiva, sottoposto a cure per problemi cardiaci, calcoli alla cistifellea, pancreatite e ipertensione arteriosa, a fisioterapia per le varie complicazioni ortopediche provocate dalle inumane condizioni di prigionia, dimesso per prepararsi a un intervento urgente di rimozione delle cistifellea.
La sentenza di condanna è scandalosa! Si fonda su labili prove acquisite illegittimamente e custodite illegalmente, su “confessioni” estorte e poi ritratte, ma la denuncia di coartazione da parte degli imputati non è stata neppure acquisita da quello stesso funzionario che aveva disposto i mandati di perquisizione infedeli! La corte ha perfino rifiutato di emettere un ordine aggiuntivo che garantisca in carcere a Saibaba l’assistenza e le cure mediche per lui vitali.
Come ci ha detto lo stesso Saibaba quando abbiamo avuto l’onore di incontrarlo, a giudici e poliziotti non interessava provare le accuse, nei lunghi interrogatori non facevano che ripetergli: “ferma la campagna contro Green Hunt, torna a fare semplicemente il professore di inglese, e ti lasceremo in pace”.
Vogliono far tacere, seppellendolo per sempre in carcere fino ad assassinarlo, la sua voce autorevole e ascoltata, di strenuo difensore dei diritti dei contadini contadini, delle popolazioni tribali adivasi, degli intoccabili delle caste inferiori (dalit), della classe operaia e di tutti i settori sfruttati e oppressi della società in India.
Vogliono piegare la resistenza delle popolazioni tribali che stanno difendendo le loro acque, le foreste e le terre per impedire che diventino preda dell’avidità delle compagnie minerarie.
Vogliono strangolare le campagne nazionali e internazionali di solidarietà contro la guerra al popolo scatenata dai governi indiani con la Operazione Green Hunt, Salwa Judum 1 e 2, ecc.
Vogliono lanciare un monito contro tutta l’opposizione democratica al governo fascista Indù di Modi, contro chi resiste al terrore fascista, razzista e fondamentalista indù delle organizzazioni illegali ed eserciti privati foraggiati dallo stato, contro tutti i difensori dei diritti umani e dei prigionieri politici.
Per tutti questi motivi, questa sentenza no può passare sotto silenzio!
Organizziamo ovunque possibile assemblee di informazione, petizioni per la liberazione immediata di Saibaba e un giusto processo, iniziative di proteste presso ambasciate e consolati indiani.
Scriviamo e protestiamo:
Ambasciata Indiana, Via XX Settembre, 5
Mr. Anil Wadhwa
Fax: 064819539
Ministero degli Esteri
Mr. Sushma Swaraj
Fax: 011-23011463, 23013254
Ministero della giustizia
Mr. Shri Ravi Shankar Prasad
ravis@sansad.nic.in
Fax: 011-23793691
comitato solidarietà india – Italia
14 marzo 2017

 

Advertisements

Discussion

Comments are closed.

Important CPI (Maoist) documents

"Against Proposed Aerial Attacks on Adivasi Areas"

Red Homage to CPI(Maoist) Central Committee member Comrade Sridhar Srinivasan!

“The closure of three thousand schools and ashrams by the CG government is a symbol of the economic and academic bankruptcy and its anti people character”

“In Support of the Australian Indigenous Peoples’ Struggle Against Adani”

“Rise Against the Proposed Salva Judum-2 with the name Vikas Sangharsh Samithi (Committee to Struggle for Development)! — An appeal to the people, democrats, progressive intellectuals, writers, teachers, lawyers, media personnel, human rights organizations, adivasi, non-adivasi social organizations, sarv samaj, sarv adivasi samaj”

“A Call to the People to Fight Back the New Form of Salva Judum and the Supportive Organization of Greenhunt, Salva Judum-2”

“Boycott the Visit of Modi, the Prime Servant of CBB and MNCs to Chhattisgarh”

“Against the Family Planning Murders of Women”

“Condemn the Limitation on Buying Paddy”, in support of the peasant’s struggle

“Against Harrakoder Fake Encounter"

MIB Interview with Comrade Ganapathy: “Building on the new, unique and unprecedented achievements of the last decade, Indian revolution will certainly overcome the difficult situation to win newer, larger and more glorious victories”

Unite, Fight Back and Defeat ‘OGH—Third Phase’ of the Fascist Modi Government

Fight Back [against] the Anti-Working Class Amendments to Labour Laws by the NDA Goverment! Vikas model of Modi is Vinash for the people of India and Vistar for the imperialists and compradors!

CC Collected Statements: Volume 1 (September 2004 - February 2007)

CC Collected Statements: Volume 2 (March 2007 - July 2010)

CC Collected Statements: Volume 3 (August 2010 - August 2014)

Collected Interviews — September 2004 - August 2014

Message to the Milan International Conference in Solidarity with the People’s War in India

A Call to the People of India! Shatter the shackles of imperialism and feudalism, Destroy this rotten system! Build your future and that of the country with your own hands!

Statement in celebration of the 10th anniversary of the founding of the Communist Party of India (Maoist) on September 21, 2004, issued by the Odisha State Committee of the CPI (Maoist) -Hindi

Pamphlet in celebration of the 10th anniversary of the founding of the Communist Party of India (Maoist) on September 21, 2004, issued by the Odisha State Committee of the CPI (Maoist) -Hindi

Condemn the Invasion of Gaza and Massacre of Palestinians by Zionist Israel! Hail the Heroic National Liberation Struggle for Independent Palestine!

Pamphlet and in honor of Com. Barunda (Sushil Roy), put out by the Odisha State Committee of the CPI (Maoist) -Hindi

Jan Sangram Issue4 July 2014 -Hindi

CC CPI(Maoist) Statement on the Lok Sabha Election Results

Jan Sangram 2014 March - Special Election Boycott Issue -Hindi

Jan Sangram, 2014 Pamphlet On International Day Of Support -Hindi

Tongpal Ambush is the Consequence of White Terrorism of the Indian State in the name of Operation Green Hunt — ‘War on the People

Merger Declaration of the CPI(Maoist) and CPI(M-L)Naxalbari

Boycott the sham parliament & assembly elections!

Comrade Abhay Interview on General Elections — 2014

Condolence Message of the CC, CPI(Maoist) on the Demise of Comrade S. A. Rauf

The message for the International Conference in Hamburg by the Secretary, CPI(Maoist)

The Call of the CC, CPI(Maoist) to celebrate the 9° anniversary of the Party

On the PLGA Attack of May 25

%d bloggers like this: